Italia e Regno Unito giudicano ingannevole lo spot televisivo di Booking relativo alla cancellazione gratuita delle sue prenotazioni.

Lo spot induce all’errore il pubblico in merito alla possibilità di cancellare la propria prenotazione in modo completamente gratuito.
Ad avviso del Comitato, il messaggio induce in errore il pubblico in merito alla vantata gratuità della possibilità di cancellare la propria prenotazione.
Il sito offre numerose combinazioni di acquisto per le camere, la cancellazione gratuita viene offerta sulle camere con un prezzo maggiore rispetto a quelle che non offrono tale garanzia.
In questo modo anche se nel momento della cancellazione non si pagherà un ulteriore costo, quest’ultimo è stato già spalmato su una prenotazione più costosa.

Alessandro Nucara, direttore generale di Federalberghi, ha sottolineato come su qualsiasi portale le camere senza la cancellazione vengano promosse ad un prezzo minore.
Lo spot, che lascia intendere che la cancellazione sia gratuita è stato considerato ingannevole proprio perché i costi della cancellazione sono nascosti all’interno di una prenotazione più costosa.

Nucara spiega che “questa differenza di prezzo è normale e compensa, anche se in minima parte, gli oneri che l’impresa sostiene in merito alla gestione delle disdette e il danno che si genera nel caso in cui la camera rimanga invenduta. Ma le condizioni devono essere trasparenti e affermare che la cancellazione è gratuita è una frottola.“